11493
post-template-default,single,single-post,postid-11493,single-format-standard,theme-stockholm,cookies-not-set,qode-social-login-1.1.3,stockholm-core-1.2.1,woocommerce-no-js,select-child-theme-ver-1.1,select-theme-ver-5.2.1,ajax_fade,page_not_loaded,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive

Salotti da giardino in midollino: come si differenzia rispetto al vimini

Mobili Midollino

Negli ultimi anni una nuova tendenza che interessa l’arredo outdoor è data dai salotti da giardino in midollino, eleganti, raffinati e adatti sia in contesti in stile moderno che classico. Questo materiale antico e pregiato è estremamente versatile e impiegato non soltanto nella realizzazione di arredi e rivestimenti per sedie e tavoli, ma anche per la creazione, tra le altre, di borse e cestini.

Detto ciò sorge spontanea la domanda: cos’è il midollino? Si tratta di una fibra ottenuta dalla trafilazione del rattan, la cosiddetta canna d’India, una pianta, che sembra una radice e che cresce nelle zone tropicali e sub-tropicali. Il nome deriva dalla parte della pianta da cui viene ricavato, ovvero dal midollo, la zona più interna della stessa. Questa fibra naturale viene suddivisa in listelli molto sottili e semplici da modellare per la creazione di intrecci fittissimi. Essendo però la parte più pregiata della pianta risulta anche la più delicata, necessita pertanto di particolare cura e attenzione.

Dalle sedie in midollino ai divanetti, fino alla creazione di soggiorni completi: questo materiale è davvero il must have per chi desidera un outdoor di classe e valore.

Midollino, rattan e vimini: le differenze tra questi tre materiali

Abbiamo già detto che il midollino si ricava dalla parte più interna della canna d’India. Da questa pianta si ottiene però anche il rattan, con l’unica differenza che in questo caso viene impiegata la parte esterna e talvolta anche la corteccia.

Il rattan, diversamente dal midollino, subisce un trattamento con prodotti antimuffa e ignifughi per renderlo meno infiammabile. Impiegato per arredi da esterno è bene tenere presente che le soluzioni realizzate con rattan dotato di corteccia risultano più resistenti rispetto a quelli che ne sono privi.

Passiamo invece al vimini, un materiale che da anni viene utilizzato per la creazione di arredi, ma anche altri accessori. Ottenuto intrecciando rami di salice, molto elastici e resistenti, viene impiegato per dar vita a sedie, divani e poltrone per esterni, tavoli e complementi. Per natura tende a schiaristi se esposte direttamente ai raggi solari.

Quale materiale è considerato migliore per gli arredi da esterno tra midollino, rattan e vimini?

Attualmente tutti e tre trovano largo impiego in questo ambito (anche per i diversi costi), nonostante il vimini abbia la tendenza a schiarirsi e a rompersi a causa degli agenti atmosferici. Ricordiamo però che trattandosi per l’appunto di materiali naturali un’eccessiva esposizione a freddo e pioggia potrebbero col tempo arrecare danni estetici e funzionali, ragion per cui proteggerli quando in disuso potrebbe essere la soluzione suggerita.

Se invece prendiamo in esame l’aspetto prettamente connesso all’arredo, indubbiamente il midollino, essendo il più pregiato dei tre, risulta anche quello più elegante e di design. In grado di conferire allo spazio una personalità spiccata, senza però rovinare quella che è l’armonia e la raffinatezza dello stesso. Le sue tonalità e il suo essere un materiale 100% naturale si sposano alla perfezione in un contesto esterno, tra alberi, prati e pietre.

Vuoi visionare alcuni arredi da esterno in midollino? Passa a trovarci!